Senti che bel vento...... si cambia!

Senti che bel vento...... si cambia!

20/02/17

Nuova piazza giardino a Muzzana

Una nuova piazza in cui ritrovarsi: Muzzana del Turgnano avrà una nuova piazza giardino nell’area ex Chiarandone. Costo dell’opera 645 mila euro finanziati dalla Regione Fvg.
L’area in questione è ubicata in una zona centrale del paese, dietro la biblioteca di Villa Muciane, e, come spiega l’assessore ai Lavori pubblici Massimiliano Paravano in cui attualmente insiste un “prato” in cui si organizzano degli eventi, ma che ha bisogno di riqualificazione proprio per la centralità in cui si trova.
«Oggi lo possiamo fare- afferma- grazie al recente finanziamento concessoci dalla Regione Fvg di complessivi euro 645 mila euro con i quali si potrà dare inizio al progetto dei lavori di riqualificazione dell’area ex Chiarandone (suddivisi in due lotti funzionali) per giungere a breve alla realizzazione delle nuova piazza/giardino riqualificando di fatto l’attuale vuoto urbano e restituire così alla comunità questa importante porzione di paese “vestita” di una nuova destinazione pubblica».
Sarà realizzata una piazza pedonale in cui troveranno posto aree verdi dotate di panchine, verranno sistemate diverse piante autoctone di consistenti dimensioni, create zone per i ragazzi, verrà mantenuto e risistemato l’attuale capannone in cui si potranno organizzare eventi, e posizionati punti luce non invasivi.
Tre le novità interessanti del progetto: la realizzazione di uno scalone in legno che scende degradando da Villa Muciane fino al prato della piazza, quì si potranno tenere concerti, fare teatro o altro. Verrà anche mantenuto l’antico arco di accesso all’area che sarà ristrutturato. Infine, cosa di cui Paravano è molto orgoglioso, la progettazione partecipata: ovvero i bambini si confronteranno con l’architetto Cigolotto per la scelta dei giochi da ubicare nei loro spazi e la tipologia delle sedute delle loro panchine.
Soddisfatto il sindaco Cristian Sedran che conferma l’obiettivo della sua amministrazione: rilanciare anche turisticamente Muzzana. «Giunti ormai a metà mandato- sottolinea Paravano- l’assessorato ai Lavori 
pubblici e all’Urbanistica è impegnato nel dare concreta attuazione agli importanti interventi in materia di opere pubbliche, strumenti urbanistici, efficentamento energetico, riordino della viabilità e manutenzione e valorizzazione del territorio nel pieno rispetto del programma elettorale».

(Messaggero Veneto, 16/2/17
F. Artico)

18/02/17

GENERAZIONE SMARTPHONE

Martedì 21 febbraio ore 20:30 Villa Muciana

"GENERAZIONE SMARTPHONE"

Privacy, Reputazione on-line e Cyberbullismo

Come proteggere i nostri figli dalle insidie della comunicazione online

Durante la serata verranno resi noti e commentati i risultati del questionario sulle abitudini digitali somministrato agli alunni di ultime classi delle primarie e secondarie di primo grado del'Istituto Comprensivo "C. Cavour".

Interverranno:
Marco Grollo: Esperto di Media Education e socio fondatore dell’Associazione MEC
Giacomo Trevisan: Esperto di Sicurezza on-line e coordinatore FVG dell’Associazione MEC
Rappresentanti dell’Istituto Comprensivo “C. Cavour” di Palazzolo dello Stella


15/02/17

Via alla variante urbanistica: Muzzana sblocca gli investimenti

«Questo assessorato è pienamente consapevole che l’urbanistica consente di governare e pianificare un territorio gestendo le dinamiche in atto e rappresenta un’occasione a costi contenuti per sbloccare potenziali investimenti nonché un volano capace di riattivare la ripresa economica locale». Così l’assessore Massimiliano Paravano commenta il nuovo strumento urbanistico appena approvato e quindi pienamente esecutivo.

La variante prevede in sintesi l’aumento della qualità dell’abitare individuando una maggiore capacità edificatoria ove necessario, l’introduzione di importanti modifiche come il ridisegno del progetto di piano tramite Gis, lo stralcio parziale della zona B4 Peep, l'ampliamento delle zone per ormeggi e ricovero natanti lungo il Cormor, l’incremento dei servizi a sostegno delle zone a verde attrezzato. 

È stata inoltre posta attenzione alla salvaguardia del patrimonio naturale mediante l’inserimento di norme per individuare il corridoio tra i due boschi planiziali, regolamentare l’insediamento di impianti solari, fotovoltaici e biogas, tutelare gli edifici di interesse storico, estendere la rete di piste ciclabili prevedere i tetti giardino. 

(Messaggero Veneto,
14 febbraio 2017
F. Artico) 

08/02/17

C'è il progetto per piazza Sbaiz

Approvato il progetto preliminare di riqualificazione di piazza Sbaiz a Muzzana. Il progetto redatto dall’ingegner Gregoratti dello Studio Artek di Latisana prevede lavori per circa 67 mila euro.

Ad affermarlo è l’assessore ai Lavori pubblici Massimiliano Paravano, che precisa come il progetto sia stato approvato dalla giunta comunale solo dopo aver ottenuto l’avvallo della maggioranza che ne condivide l’impostazione e i contenuti.

«I motivi che ci hanno spinto ad intervenire su piazza Sbaiz- spiega l’assessore- sono molteplici come la mancanza di sicurezza e non conformità degli attuali parcheggi, gli esigui e promiscui spazi di manovra, la commistione di funzioni e la povertà degli attuali materiali e arredo urbano per nulla adeguati ad un luogo pubblico strategico e di aggregazione sociale come la piazza del nostro paese.

Piazza Sbaiz si colloca infatti in una posizione centrale del nucleo storico urbano e di fatto rappresenta l’unico vero slargo cittadino degno di nota incastonato tra edifici su tutti i lati e che merita attenzione e quindi una riprogettazione non invasiva finalizzata a dare dignità e soprattutto identità a questo luogo».

Soddisfatto del progetto il sindaco Cristian Sedran poiché conferma l’impegno dell’amministrazione comunale nel cercare di riqualificare e potenziare gli spazi pubblici di aggregazione in favore dei cittadini.

(Messaggero Veneto,
28 gennaio 2017
Francesca Artico)

17/01/17

Fototrappole per immortalare chi abbandona in giro i rifiuti


Raggiunti ottimi risultati nella raccolta differenziata dei rifiuti a Muzzana, ma c’è ancora chi li abbandona per strada: l’amministrazione comunale pensa all’installazione delle fototrappole.

«Grazie alla buona educazione civica ed ambientale conseguita dai muzzanesi- commenta l’assessore Massimiliano Paravano - è stato possibile sfiorare il 70% di raccolta differenziata nel 2015 e soprattutto mantenere questa buona percentuale negli ultimi anni che si riflette direttamente sui minori costi per i cittadini della tassa rifiuti. Questo risultato è stato reso possibile grazie anche alla riorganizzazione di alcune postazioni di cassonetti sul territorio comunale e al potenziamento del centro di raccolta comunale di Via Moretton che ricordo essere aperto all’utenza nelle giornate di mercoledì dalle 14 alle 17 (invernale) e dalle 16 alle 19 (estivo) e sabato dalle 9 alle 12».

Per conferire correttamente le varie tipologie di rifiuti nei cassonetti stradali invito a prendere visione degli opuscoli informativi preparati dalla Net Spa e recapitati di recente a tutte le famiglie o visitare il sito http://www.netaziendapulita.it”.

Paravano al contempo si rammarica del “comportamento incivile di pochi maleducati” che scaricano rifiuti al di fuori dei cassonetti sporcando le postazioni o conferiscono impropriamente alcune tipologie di rifiuti o ancora peggio abbandonano elettrodomestici
o lastre di amianto ai bordi di strade di campagna. Per fermare questo fenomeno l’amministrazione comunale ha chiesto alla Polizia Locale di intensificare i controlli sul territorio e che gli stessi continueranno anche nei prossimi mesi e sta inoltre valutando l’acquisto di fototrappole.
Messaggero Veneto
12 gennaio 2017
Francesca Artico

20/12/16

Partiti i lavori per l’impianto indoor

Sono finalmente partiti i lavori per la realizzazione del nuovo impianto sportivo indoor atteso da tempo dalla comunità di Muzzana. Costo dell’opera 290 mila euro, finanziati per 140 mila euro con fondi propri comunali e con mutuo con la cassa depositi e prestiti e per rimanenti 150 mila euro con l’accensione di un mutuo con l’Istituto per il Credito sportivo di Roma nell’ambito del bando nazionale “Mille cantieri per lo sport” per gli impianti sportivi che ha visto in Friuli Venezia Giulia l’accoglimento e il finanziamento di solo 8 istanze, fra cui appunto il Comune di Muzzana.

A comunicarlo soddisfatto è l’assessore ai lavori pubblici Massimiliano Paravano che spiega come la nuova struttura, progettata dallo studio Tecnoprogetti di Gorizia, sarà realizzata dall’impresa Battistella di Pasiano di Pordenone nell’area sportiva di via Moretton recuperando di fatto un’area oggi degradata a fianco del campo di calcio dove sono presenti due vecchie piste di pattinaggio ormai obsolete e che saranno demolite. Il campo polisportivo indoor sarà costituito da una piattaforma in calcestruzzo di 25,10 metri per 46,20 finita in resina e dotata di una copertura in telo plastico sostenuto da grandi archi in legno lamellare, accessi per il pubblico e gli atleti oltre ad un adeguato impianto di illuminazione artificiale. «Cantierando questa nuova opera pubblica – dice Paravano – diamo concrete risposte alle reali necessità della scuola e delle tante associazioni sportive che ci chiedevano a gran voce adeguati spazi per poter svolgere le loro attività, in particolare il pattinaggio artistico, tennis e calcio a 5». 

Il sindaco Cristian Sedran confermal’impegno di questa amministrazione a investire importanti risorse in scuole e associazioni sportive con l’obiettivo di allargare l’offerta dei servizi sul proprio territorio e aumentare la fruibilità delle strutture pubbliche anche come luoghi di aggregazione.

(Messaggero Veneto
13 dicembre 2016
Francesca Artico)

28/11/16

Approvato il nuovo regolamento edilizio

Approvato il nuovo regolamento comunale edilizio di Muzzana. L’ok è arrivato nell’ultima seduta di consiglio. 
Soddisfatto l’assessore ai lavori pubblici Massimiliano Paravano, in quanto il nuovo regolamento andrà a sostituire quello precedente risalente al 1972, quindi ormai superato: consentirà al Comune la buona gestione e il coordinamento dell’attività edificatoria. «Il regolamento così aggiornato – prosegue Paravano – permetterà al Comune di acquisire gli strumenti necessari a garantire una celere ed efficace azione di governo del territorio soprattutto in relazione alle dinamiche territoriali attualmente in corso»